Isola di Capraia: I contatori di gabbiani

Capraia, Marzo 2008

Si chiamano Paolo e Nicola e contano i gabbiani. Da molti anni ogni primavera ritornano a Capraia insieme ai Gabbiani reali mediterranei che nidificano sull'isola. Paolo e Nicola sono due grandi esperti di uccelli marini e sono venuti quest'anno anche per contare le Berte che in queste notti senza luna lanciano nel buio i loro canti.

I Gabbiani reali mediterranei non sono una specie in pericolo, anzi il loro numero se cresce troppo può mettere in difficoltà le altre specie animali a rischio di estinzione come il Gabbiano Corso. La conta dei gabbiani si effettua con un giro dell'isola in gommone. Quest'anno c'è anche una nuova missione, portare Nicola alla punta dello Zenobito per contare le Berte. Il gommone deve cincumnavigare l'isola ad una velocità moderata e sempre alla stessa distanza dalla costa. Durante il giro noi che li accompagniamo vediamo molti gabbiani ma non tanti quanti ne vedono loro. Alla fine il totale sarà di oltre 3000 coppie.

Nelle foto che seguono molti dettagli della costa di Capraia. I gabbiani si stagliano bianchissimi sulle rocce scarlatte e alcuni ci sorvolano. Se ci avviciniamo troppo alla costa i gabbiani iniziano a protestare. Una volta arrivati alla torre dello Zenobito, che domina l'estrema punta sud dell'isola, Nicola si prepara a scendere e ad aspettare sulla costa fino ad un'ora dopo il tramonto. Le Berte infatti cantano solo con il buio completo. Lo guardiamo saltare a terra "armato" solo del suo cavalletto e del fido binocolo Zeiss. Lo lasciamo con un pò di invidia mentre sale verso l'antica torre genovese, dietro le spalle ci lasciamo un tramonto rosso fuoco e poco lontana la Corsica. Una volta superata la punta sud dell'isola è già buio.

Vedi anche: Cala Rossa - Il Gabbiano reale mediterraneo

How to choose the best web hosting company and put your business to the next level.
Joomla Templates designed by Joomla Hosting