La Marineria Capraiese nel XVIII secolo

La Marineria Capraiese nel XVIII secolo
di Roberto Moresco


1. Capraia tra Genova e Corsica


Active ImageL’isola di Capraia, posta al centro del Tirreno settentrionale tra la Corsica e la costa della Toscana, ha gravitato dal XV al XVIII secolo nell’orbita di Genova, prima tramite la signoria della famiglia De Mari, poi del Banco di S. Giorgio, ed infine come possedimento diretto della Repubblica facendo parte del « Regno di Corsica et Isola di Capraia » , sotto il comando del Governatore di Corsica, residente a Bastia, che la governava tramite un Commissario. La popolazione era organizzata in Comune e amministrata da tre Padri del Comune che venivano eletti annualmente dai capifamiglia. Dal 1562, anno della cessione dell’isola alla Repubblica da parte del Banco di S. Giorgio, fino alla fine del XVII secolo i rapporti con Genova venivano tenuti tramite il Governatore che poi ne riferiva al Magistrato di Corsica, anche se spesso i Capraiesi e lo stesso Commissario di Capraia si rivolgevano direttamente a Genova.
Gli abitanti dell’isola, secondo diverse fonti, erano circa 600-700 durante il XVI e XVII secolo e vivevano dei prodotti della pesca e delle magre risorse della terra – vino e pochi cereali – coltivata a piazzole principalmente dalle donne [ ... ]

Questo articolo è stato pubblicato in "Studi in memoria di Giorgio Costamagna",  Atti della Società Ligure di Storia Patria, Vol. XLII-Fasc.I, Genova 2003, pp. 579-627.

Leggi il testo integrale (formato PDF)

How to choose the best web hosting company and put your business to the next level.
Joomla Templates designed by Joomla Hosting